​ Settembre, alla ricerca di nuovi equilibri.

[Read in English]

Sport e cibi sani sono due piccoli alleati che possono trasformare il tuo stile di vita in questo periodo dell’anno, quando il clima cambia e si raffredda e mentre il tuo bisogno di caldo e sole non si é ancora esaurito. Sentirsi più forti e prestanti può essere d’aiuto a diventare energici e positivi. Per esempio apprezzare le ultime pesche (amo questo frutto) o la prima uva della stagione, così come essere coscienti della bontà degli alimenti naturali, senza gusto chimico, sono quei piccoli accorgimenti che ti faranno sentire meglio. Non é forse rigenerante cucinare qualcosa con le proprie mani, in modo ludico, senza troppe aspettative se non quella di sperimentare e ottenere qualcosa di più sano da addentare? Un buon dolce fatto in casa, o un piatto salato di cui si sono scelti accuratamente gli ingredienti, preferendo usare le spezie e riducendo il sale, rendono giustizia al sapore vero e non artificiale di quello che si mangia.

img_4513.jpg

Allo stesso modo può essere molto utile creare qualcosa artigianalmente, uno svago che allo stesso tempo spinge a creare, dimostrando a te stesso che sei capace e puoi fare molto più di quanto credi. Imparare qualcosa di nuovo, da questo punto di vista, é un consiglio sempre valido.

D’altra parte, poi, é inevitabile accettare che l’estate sia finita, preparandosi alla voglia di zuppe calde la sera (quella di zucca é in programma per il prossimo mese), apprezzando la calma e la quiete delle passeggiate sulle scricchiolanti foglie colorate, cercando funghi e raccogliendo castagne.

Squirrel in the light © Michy_G_photo

L’autunno é arrivato e ogni stagione ha il suo fascino, non difficile da scoprire e apprezzare.

Ultimamente, dopo essere tornata dalle vacanze, quel bel momento in cui ci si dedica maggiormente a se stessi smettendo di lavorare, stavo riflettendo su quanto sarebbe utile considerare attuabile in modo globale la proposta fatta e sperimentata in Svezia, da una Compagnia IT, di ridurre a sei ore la giornata lavorativa. So che posso sembrare una scansafatiche, ma credo davvero che i ritmi attuali siano cambiati moltissimo rispetto a quando si era scelto di istituire una giornata lavorativa di otto ore, e che, spesso, non lavorando sotto casa o in casa, il tempo richiesto per recarsi a lavoro diventa tempo non retribuito e non proprio, ma comunque dedicato in qualche modo al lavoro. Forse, solo per dire, potrebbe anche essere una soluzione contro la disoccupazione, perché tutti lavoreremmo meno e ci sarebbe più lavoro per tutti. Si guadagnerebbe un po’ meno forse, ma considerevolmente di più in termini di buon stile di vita.

Cosa ne pensate?

E poi una riflessione un po’ più superficiale… Perché mai é stata inventata la polvere? Riuscite a immaginare una vita senza preoccuparsi della polvere (non parlo di smettere di pulire, ovviamente, ma del fatto di non avere tutto costantemente ricoperto da una patina di polvere non importa quanto tempo prima si é pulito).

Solo per dire…
Buon Autunno a tutti, pieno di passeggiate ispiranti.
London, sunset © Michy_G_photo

5 pensieri su “​ Settembre, alla ricerca di nuovi equilibri.

  1. A me l’autunno fa venire voglia di divano copertina e cibo grasso, altro che roba sana 😂 Però le passeggiate autunnali sono bellissime, se solo in città non ci fosse traffico… sai cosa propongo? Di istituire una giornata in cui le auto e qualsiasi tipo di motore stia fermo in casa 😀

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...