Le 18 icone di Londra. Significati e curiosità per essere un turista sul pezzo.

[Read in English]

Vivere a Londra é un’esperienza, si visitano le cose con calma e si scoprono angoli nascosti della città.

A volte però quello che attrae tutti in questa città non può che interessare anche chi ci vive, prima o dopo queste foto le facciamo tutti e ce ne vergogniamo un po’, dopo, quando siamo più abituati a considerarlo nostro questo posto, ma in fondo sappiamo che sono irrinunciabili.

Eccomi (eccoci) in versione super turista a Londra.

  1. Fare la foto con la guardia dal cappello peloso, fatto! 

Ma qual é il loro mestiere? La loro storia é molto interessante. Le guardie sono, infatti, dei militari formati presso l’Army Foundation College. La loro attività come guardia é di due ore due volte alla settimana e partecipare a una marcia é per loro un onore. Sono guardie armate e addestrate, anche se il loro fucile ha un significato per lo più cerimoniale. I turisti cercano sempre di farli ridere, ma loro hanno un’educazione rigida alla disciplina e non sono autorizzati a ridere. Maggiori info

2. Il Big Ben. 

É l’indiscussa icona per eccellenza di Londra. Venne disegnata da Charles Barry nel 1835, dopo che un incendio del 1834 aveva distrutto gran parte del Parlamento. L’idea era quella di collocare un orologio precisissimo al suo fianco. L’orologio avrebbe avuto quattro facce identiche e sarebbe stato collocato all’interno di una torre. Interessante é anche la storia della campana, che venne realizzata solo nel 1956. Troppo grande per essere trasportata via treno, si optò per trasportarla lungo il fiume e poi caricata su un carro trainato da 16 cavalli bianchi e portata attraverso il Westminster Bridge. Quanti nomi ha il Big Ben? E’ conosciuto come St Stephen Tower, The Clock Tower, Elisabeth Tower (in onore della Regina, nome che ha acquisito nel 2012 per celebrare l’anniversario di diamante del suo regno) e Big Ben, ovviamente, un nomignolo che deriva dalla grande campana dal suono solenne posta nella torre con orologio più famosa al mondo.

3. Lego.

Il negozio che ha aperto a Leicester Square sotto Natale nel 2016, é un negozio iconico dove trovare il plastico della città, il Big Ben, la fermata underground, Yellow Submarine dei Beatles e persino una tube dove incontrare William Shakespeare e la guardia Reale, il tutto in formato lego.

4. Afternoon Tea. 

IMG_1803

La preziosa tradizione dell’ “Afternoon Tea” si dice sia stata inventata da Anna Maria, la moglie del settimo Duca di Bedford, che nel 1841 ha iniziato a bere tè e a mangiare qualcosa a metà pomeriggio, per resistere al lungo intervallo di tempo tra il pranzo (intorno all’una) e la cena ( intorno alle 8 soprattutto per eventi particolari). Questa é poi diventata una occasione sociale, quando lei decise di invitare le persone a partecipare all’afternoon tea e divenne un fenomeno di moda entro il 1860. In queste occasioni il tè veniva servito nelle migliori ceramiche, quelle cinesi, con piccoli sandwich e piccole torte serviti in piattini. Gli scones vennero introdotti solo nel XX secolo.

Oggi é diventato un buonissimo treat per un turista gourmet, che vuole assaggiare un attimo di nobiltà. (Fonte)

5 London Eye. 

L’attrazione turistica più presa d’assalto. Per la vista, perché é enorme, perché dura abbastanza da godersela, anche se è estremamente costosa. É il simbolo dell’innovazione tecnologica della città nel XXI secolo. É la ruota che cambia colore per rimarcare eventi e per commemorazioni. É il luogo dove avviene lo spettacolo dei fuochi d’artificio a fine anno, le sue navicelle hanno cambiato completamente aspetto per il Campionato del Mondo di Rugby nel 2015 e adesso il suo nome é cambiato in Coca Cola London Eye, per l’ovvio sponsor. Finora é l’unica ruota al mondo ad essere stata costruita sull’acqua e poi trasportata lungo il fiume Tamigi e issata dalla posizione orizzontale a quella verticale. Le 32 navicelle sono simbolo dei 32 distretti londinesi.

DSC_0435

6. Harry Potter.

 Numerosi sono i luoghi utilizzati per girare le scene del film, a partire dal binario 3/4 a King’s Cross St Pancras Station. É inevitabile la connessione per i fan di Harry Potter con Londra. Immaginate poi il valore di trovare una bacchetta e tenerla tra le mani… i libri di Harry Potter sono stati scritti da J. K Rowling e l’ultimo uscito é Harry Potter e il figlio maledetto, uscito a fine 2016.

Expecto patronum_Ioelabacchetta

7. Andare ad Hyde Park a trovare Peter Pan. 

DSC_0283.JPGLui si trova qui perché l’autore della sua storia James Matthew Barrie, che ha creato questo magnifico personaggio nel 1902, ha vissuto parte dellla sua vita nella zona dei Kensigton Gardens, ovvero Hyde Park. “James Matthew Barrie, alla sua morte, lasciò in eredità lo sfruttamento dei diritti d’autore al Great Ormond Street Hospital, un ospedale pediatrico londinese nel quartiere di Bloomsbury, dove peraltro si troverebbe la casa dei Darling (la famiglia di Wendy) “‘(Fonte Wikipedia)

 8. Fare una foto con una delle installazioni artistiche, pubblicitarie o a fini di beneficenza che spesso vengono ospitate negli angoli della città. 

Qui sono a Canary Wharf. C’erano pecore sparse per la cittá e io ho trovato quella dorata proprio il giorno del mio compleanno! Il regista Nick Park Ha sparso per la cittá Le sculture che ritraggono i personaggi della serie animata britannica ‘Shaun the sheep’ nel 2016, per l’iniziativa ‘Shaun in the city’: 120 pecore decorate Sono state installate e poi vendute per raccogliere fondi in favore dei bambini malati in cura negli ospedali di tutto il Regno Unito.

Londra é il luogo delle opere d’arte in strada commissionate e non, qui puoi trovare maggiori informazioni e ispirazioni, sorprendendoti di quanto c’é da apprezzare solo facendo una passeggiata

9. Fare la foto con la cabina telefonica rossa. 

Ormai nessuno le usa più, ma il loro fascino é indiscutibile. Le cabine telefoniche hanno tutte una corona che però può essere differente a seconda dell’epoca storica e del regnante in carica al momento della costruzione. Il design risale al 1924 e all’artista Sir Giles Gilbert Scott, vincitore della competizione per il design, il quale la progettò originariamente color argento, venne poi deciso dall’ufficio postale il colore rosso. Nel 1935 in onore del giubileo d’argento del regno di Re Giorgio V venne commissionato il design K6, il più conosciuto. Oggi diventano molto interessanti perché si é deciso di riutilizzarle come punti wifi, charger per telefoni, punti atm, mappe interattive della città, edicole e anche caffetterie! John Hay, ha invece trasformato per la prima volta una cabina telefonica in un luogo espositivo posizionando al suo interno un Albero di Natale. Da allora moltissimi artisti hanno trasformato le cabine telefoniche in gallerie d’arte o luoghi per esposizione e celebrazione di eventi. Qui maggiori notizie sugli utilizzi e riutilizzi delle cabine telefoniche icona britannica riconosciuta in tutto il mondo.

IMG_0310.jpeg

10. Il cibo inglese. 

Tutti dicono che si mangia male in Inghilterra. Sicuramente la cucina inglese non é tra le meno grasse, ma a volte é davvero un buon treat quello di mangiare qualcosa di così gustoso. La full English Breakfast ad esempio ha una storia antica, divenne popolare nelle isole britanniche durante il Regno della Regina Vittoria. Per averne una personalizzata vi consiglio di andare al The Green Cafè a Greenwich dove é possibile comporla e metterci o toglierci davvero tutto quello che volete, super costumized! Altri piatti tipici sono le Pie con Mash and Gravy, il Fish and Chips, il Roast Beef, il Sunday Roast.

IMG_0242.jpeg

Provate la ricetta del pancake e della gravy come li faccio io!

La mia Ricetta Pancake (8 pancake)

Un uovo, Latte, 2 cucchiai di Farina, Zucchero un cucchiaio, Burro

Aggiungere un cucchiaino di bicarbonato ( é fondamentale per una riuscita ottima)

Mischiare gli ingredienti. Scaldare una noce di burro in una pentola e poi mettere a cuocere metá mestolo dell’impasto. Girare e rigirare fino alla doratura. Ripetere il procedimento fino alla fine dell’impasto.

Condire i pancake con sciroppo d’acero, miele, marmellata o nutella.

La mia Ricetta Gravy

Mezza cipolla, Due cucchiai di farina, Dado vegetale, Salsa di soia o vino bianco

Cuocere il tutto e aggiungere acqua, la salsa dovrà rimanere densa e scura, frullatela per evitare che ci siano pezzi di cipolla intere e gustatela sopra al purè, é deliziosa!

11. Salutare “come la regina” davanti a Buckingham Palace.

IMG_0328.jpeg

Sua Maestà la Regina Elisabetta quest’anno si trova a festeggiare, all’età di 91 anni, 65 anni di regno. Durante il suo regno iniziato durante le trattative della seconda guerra mondiale, ha assistito a numerosi cambiamenti costituzionali, dalla devolution, alla decolonizzazione in Africa. Lei (non io che gioco soltanto a fare la queen) é la più anziana monarca regnante al mondo. Buckingham Palace é la residenza ufficiale del regante del Regno Unito.

2015-03-29 17.26.02.jpg

12. Forrest Gump, il suo Ristorante a Piccadilly.

Il film é americano, quindi tra le icone londinesi non ci azzecca molto, ma il fascino del Bubba Gump é indiscutibile. Un ristorante a tema collocato sopra al negozio e ispirato al film, diventa un posto dove godersi del buon cibo a base di… gamberi ovviamente, l’esperienza é garantita! Ha aperto nel 2015, ecco perché diventa una cosa da turista aggiornato!

2016-02-07 20.21.57

13. Underground.

 La prima Rete condotta in modo elettrico al mondo, nel 1890. Esisteva solo a Budapest una linea di metropolitana elettrica antecedente, ma non condotta in modo elettrico. La sua icona é conosciuta in tutto il mondo ed é stata disegnata dalla London General Omnibus Company nel 1905, ma il marchio é stato depositato solo nel 1917 a nome di Edward Johnston. Ogni stazione della tube é molto diversa ed alcune presentano riferimenti iconografici e tributi all’area di Londra in cui ci si trova.

14. Natural and History museum.

 É il museo collocato all’interno di un’opera d’arte. Nella sala di ingresso uno scheletro di dinosauro diventa l’icona del museo stesso. Questo é lo scheletro di un Diplodocus, un dinosauro dal collo lungo, utile per poter raggiungere la vegetazione di cui si nutriva. Nel 1905 é stato donato al museo da un uomo d’affari Andrew Carnegie. King Edward VII aveva richiesto una copia del dinosauro appena scoperto dopo aver visto una foto nel Castello scozzese di Cornegie. Dal 1979 al 2017 lo scheletro, conosciuto affettuosamente come Dippy, é stato collocato nella sala centrale del museo, nella Hintze Hall. Per pulirlo ci vogliono due giorni interi e viene fatto ogni due anni. Ad oggi Dippy é stato rimosso per preparare lo scheletro a un tour che inizierà bel 2018.

DSC_0428

 15. Il taxi nero, che qui si chiama cab. 

DSC_0143.jpg

Il primo cab a Londra nel 17th secolo é stato l’hackney coach, il cui nome deriva dal francese e significa letteralmente lento ronzino. Dopo la guerra civile nel 1654 Oliver Cromwell dichiarò la professione dei taxisti con un atto. Questo fece dei taxi il più antico mezzo di trasporto pubblico riconosciuto. Dal 1834 si sono successi numerosi design fino ad arrivare nel 2006 al design attuale, il TX4, che é l’ultimo approvato per avere la licenza come cab di Londra.

16. Il bus, un’altra delle icone rosse di Londra.

L’icona é quello rigorosamente a due piani, anche se ci sono molti buses a un piano solo. Il primo Omnibus venne introdotto nel IXX secolo. La scelta del rosso? Un modo per spiccare rispetto alla concorrenza ed essere scelti da parte della London General Omnibus Company. In foto uno dei due iconici Routemaster ancora presenti oggi oltre al 9, il 15.

IMG_0525

17. Sherlock Holmes. 

É un personaggio famosissimo uscito dalla geniale penna di Sir Arthur Conan Doyle nel 1887. La sua casa é stata collocata dall’autore al 221b di Baker Street e il suo personaggio é talmente carismatico che nonostante sia tutta opera di finzione moltissimi sono interessati a vedere l’interno della casa del personaggio e si recano per questo nel museo dedicato.

Me as Sherlock_Museum of London

Open every day of the year (except Christmas Day) from 9.30am – 6pm

18. Il Meridiano Zero

91. a cavallo del meridiano di Greenwich_londra agosto 2013

A Greenwich si trova un enorme Royal Park, uno dei più belli di Londra.

Sulla sommitá del colle all’interno del parco si trova l’osservatorio e nei dintorni la linea del Meridiano di Greenwich, il meridiano zero. Questo meridiano indica la longitudine 0. Di ogni luogo si determina la posizione misurando la distanza verso est o verso ovest a partire dal meridiano.

Dalla fine dell’800 essendo che non erano presenti altri parametri per misurare il tempo si é deciso di utilizzare il luogo del meridiano zero come Mean Time, permettendo di avere una misurazione precisa del tempo e dei giorni in modo convenzionale e standardizzato, che permettesse di organizzare e sincronizzare i rapporti nazionali e internazionali di lavoro e non. (Fonte)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...