In Nepal con Viaggi Avventure nel Mondo

[Read in English]

Questo guest post (il primo di tre) é di Daniela, che per me rimarrà sempre la mia compagna di banco preferita. La conosco da 17 anni, l’anno scorso ha scelto un modo di viaggiare diverso, perché il viaggio non sempre é vacanza, spesso é confronto, scoperta, incontro culturale.

Lei e il suo partner hanno scelto Viaggi Avventure nel Mondo

AVVENTURE NEL MONDO

E’ l’associazione culturale che fin dall’anno 1970 ha promosso e realizzato una vera e propria esplorazione turistica del nostro mondo, al di fuori di ogni canale di turismo organizzato. Attraverso studi, ricerche ed un continuo e accurato aggiornamento su guide, riviste nazionali ed estere ha messo a punto progetti e programmi per la diffusione e la divulgazione del viaggio inteso come strumento unico di conoscenza e di arricchimento dell’uomo. L’associazione cura la parte redazionale della rivista “Avventure del Mondo” ed e’ impegnata nella divulgazione del viaggio come fenomeno culturale attraverso pubblicazioni (guide, quaderni di viaggio, dossier informativi), proiezioni, conferenze che hanno luogo in oltre 100 città italiane nell’ambito di Centri Studi e gruppi di aggregazione nati spontaneamente. Partecipa ufficialmente a spedizioni, ricognizioni e viaggi in regioni di particolare interesse.


NEPAL SCONOSCIUTO

Di solito alla fatidica domanda – Dove vai in vacanza? – dopo il responso l’interlocutore commenta con un: – Ah bello!!!!- oppure: – Ci sono stato anch’io!!!!-

L’anno scorso invece quando rispondevo: – Nepal-, la replica classica era: -PERCHE???-

Perché andare in Nepal?

Tanti vi si recano attratti dal “tetto del mondo”. Ormai i trekking sopra i 5000 sono accessibili quasi a tutti, con qualche aiuto, ed è motivo di vanto dire di essere stato in un campo base sotto le più alte vette della Terra.

Altri scelgono il Nepal per sperimentare la spiritualità orientale. Questo paese per il 70% di religione Indù e solo per il 20% devoto a Buddha, offre facilmente la possibilità di scoprire se stessi nel profondo attraverso la meditazione. È facile lasciarsi cullare dai suoni mistici e quasi magici delle preghiere buddiste, all’interno dei templi ma non solo…

Io invece, perché ci sono andata?

Io, come i miei 17 compagni di viaggio, ho scelto il Nepal per sfuggire alle mete turistiche tradizionali, ai resorts, alle spiagge affollate, ai siti contaminati da fotografi ossessionati… Noi in Nepal siamo andati per scoprire la natura incontaminata, per confrontarci con la gente comune, per capire e scoprire la loro vita e le loro credenze, e anche per raccontare un po’ di Italia….

Noi 18 abbiamo scelto un Nepal sconosciuto.

Questo il titolo del nostro viaggio, titolo che ha attirato l’attenzione di tutti noi tra svariate soluzioni proposte dalle agenzie; e, come dice Sandra, se tutti abbiamo scelto Nepal Sconosciuto dobbiamo per forza avere qualche cosa in comune….

Informazioni sul Nepal, due notizie

Il Nepal è un piccolo stato incuneato tra Tibet e India che conta circa 30 milioni di abitanti. Politicamente è una recente repubblica federale (2008), aperta al resto del mondo soltanto dal 1951. Per oltre 100 anni infatti il Nepal è stato una dittatura sotto il controllo dei primi ministri eredi della famiglia Rana che, con la motivazione di ostacolare l’invasione da parte degli inglesi, impedirono l’ingresso agli stranieri e tennero i sudditi in completo isolamento, evitando la costruzione di scuole e infrastrutture, vietando loro di leggere in lingua straniera e di possedere biblioteche personali.

Da soli sessant’anni quindi questo paese si trova a dover rispondere alle richieste incalzanti di turismo, peraltro una delle principali risorse del paese, desideroso di crescere e di migliorare, tanto che il primo ministro nel 2008 dichiarò di voler “fare del Nepal la Svizzera dell’Asia”.

E questo spiega il fatto che le strade asfaltate in Nepal siano ancora molto rare; la maggior parte furono costruite dai Paesi più ricchi o a fini commerciali per agevolare gli scambi (il caso della Cina) o con l’intento di aiutare uno stato povero, e incoraggiarne un neonato sviluppo economico (il caso del Giappone). Queste strade “straniere” sono le uniche dotate di un’elementare segnaletica stradale.

La religione prevalente è l’Induismo, che vanta più di 33.000 divinità tra cui le principali sono Brama, Visnu e Shiva con le loro manifestazioni. In tutto il paese la mucca è considerato un animale sacro, di conseguenza mangiare la carne bovina è illegale, a differenza della bufala che viene abitualmente allevata e consumata.

Come i cugini indiani, anche gli induisti nepalesi hanno il loro fiume sacro: il Bagmati, affluente del Gange, che attraversa Katmandu. Su queste rive si praticano i riti sacri dedicati alla morte che terminano con la cremazione dei cadaveri.

Un 20% circa della popolazione è invece buddista. Le due religioni convivono, non solo in estrema tolleranza, ma in una commistione tale che talvolta si rende difficile la distinzione. Gli induisti, pacifici ed accoglienti per natura, ritengono che Buddha sia un’incarnazione di Visnù, quindi in qualche modo una delle tante divinità a cui loro stessi si rivolgono.

La religione è la linfa vitale in Nepal: ovunque ci si può imbattere in pagode induiste affiancate da stupa buddisti, piccoli altari con facce inquietanti, occhi di Buddha incisi su pietre, ruote di preghiera e bandierine…tutto ciò a rendere un’atmosfera riccamente colorata e suggestiva.

Non interessa verso Chi si rivolge la tua preghiera, importa invece per cosa preghi, a quali valori ti affidi e come custodisci la tua anima…

Come non essere vicini a questo pensiero………..?


I guest posts 2 e 3 vi racconteranno il loro viaggio e le fantastiche esperienze, con una descrizione dell’itinerario e qualche foto.

A presto,

con Daniela e il suo viaggio in Nepal.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...