Mangia, prega, ama. 1+1=3

[Read in English]

Un film, ma anche e specialmente un modo in cui tutti dovrebbero vivere. Sempre attenti, sempre nel momento e sempre soddisfatti.

Cresciamo e a volte dimentichiamo che stiamo vivendo una storia, la nostraTutti hanno una storia che é unica ed é il fascino della vita e del vivere.

Il film é straordinario, ricco di riflessioni importanti sulla vita e sul vivere.

Ho adorato la luce del fantastico “dolce far niente” e il cibo, nella sua sostanza nutritiva per il corpo e per le relazioni, essendo il momento conviviale di scambio per eccellenza. Questa é una bella descrizione del modo di vivere italiano.

Ho adorato la ricerca spirituale, l’idea di “scegliere i pensieri come si scelgono i vestiti” per eliminare il superfluo dalla mente e permettere a Dio di riempirla. Questa é una bella immagine della spiritualità indiana.

Ho imparato che per andare avanti bisogna mettere mentalmente in qualche modo a posto il passato con il perdono di sé e lasciando andare gli altri, “inviando luce e dimenticando”.

Mi ha messo in discussione e mi ha fatto sognare un anno così, in confronto con il mondo per riuscire a capirlo meglio e per conoscere meglio anche se stessi, in uno scambio continuo in cui ogni passante diventa un amico, quella storia mancante e un pezzo da aggiungere alla propria vita. Mi ha affascinato il viaggio come modo di riprendersi se stessi considerando l’altrove e quell’abbraccio a tutto tondo della realtà, che permette di accogliere tutto e di cogliere, infine, la propria serenità, quella necessaria per l’equilibrio e per il vivere, non solo per “tirare avanti”.

Scoprire sé per poi scoprire l’altro e sapere come farsi conoscere, cosa conoscerà, senza la paura di perdersi nell’altro, ma consci e sicuri che l’unirsi porterà un più uno nella vita, come lo é ogni cosa fatta e ogni persona incontrata che si lasci diventare storia.

Ho espresso il desiderio di scoprirmi e di scoprire il mondo, di riuscire a liberare la mente, di fare spazio e volevo impegnarmi in questo, nell’imparare a decidere senza paura, ansia, ma con amore e impegno.

Ho provato a iniziare un percorso e ho realizzato, a un anno di distanza, che la parte più difficile é iniziare, poi puoi vivere quello che vuoi e tutto sarà una storia e una nuova esperienza.

Certo é vero quello che si impara nel film (Migliori citazioni di Mangia Prega Ama):

Essere focalizzati su cosa non va può aiutare a trovare la soluzione e a trovare l’equilibrio per procedere verso la soluzione”.

La solidarietà significa innesco di positività: “Tutti, quando aiuti qualcuno aiuti tutti”.

Devi amare te stesso e poi perdere il tuo equilibrio per amare qualcun altro”.

La crescita passa attraverso la rovina e anche con una rovina tu puoi crescere”.

Sono felice perché imparo qualcosa, ma devo iniziare la meditazione vera, seria e profonda per raggiungere qualcosa in questa vita”. Meditare significa infatti focalizzarsi su qualcosa e decidere di impegnarsi verso una direzione con energia.

Non racconto particolari sulla storia del libro o del film, perché é meglio guardarlo da sé. Lo consiglio vivamente, nel caso non si fosse capito, é uno tra i miei film preferiti di sempre.

E… si nel titolo ho scritto 1+1=3 … Non é un errore, ma é un modo in cui si parla in ambito creativo intendendo che unendo due cose/persone/situazioni esistenti non si ottiene mai la loro somma matematica, ma qualcosa di nuovo e diverso.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...