L’importanza di chiamarsi… Mezzo.

[Read in English]i mezzi

Fotografo per passione e, bisogna ammettere, fotografo di qualità se uso il mezzo giusto. La buona qualità della fotografia dipende da molti aspetti (tecnica, scelta dei settaggi, soggetto significativo, luce favorevole) e tra questi il mezzo é molto importante. Se lo scatto non é particolarmente bello o si vogliono esaltare i tratti più interessanti di una foto già molto bella c’é la postproduzione. A mio parere anche saper postprodurre é una forma di arte, come lo é il fotografare.

Ho iniziato a fotografare in gita scolastica, con la macchina a rullino che mi davano i genitori per fare qualche foto ricordo: 24, al massimo 48 foto per le gite più lunghe. Poi arriva il digitale e la mia maturità: chiedo una macchina fotografica e arriva lei, la Konica Minolta Dimage Z20, con uno zoom pazzesco e settaggi davvero già professionali. Faccio i primi scatti, mi appassiono, mi meraviglio dei risultati e della possibilità di trasportare i miei scatti e rivederli quando voglio. Si diffondono anche i telefoni che fanno le foto (quando parlo così mi sento vecchia… Ma ho solo 28 anni O_o’). Io per molto tempo non ho considerato i telefoni al pari di una buona macchina fotografica, così rinuncio alla multimedialità: tengo il mio telefono per chiamare e compro una macchinetta da portare sempre con me, waterproof, con “tuta” anticaduta, cinghietto e comoda per tutto, rosa shocking, la mia Fujifilm Finepix Z33, sostituta della cara Konica, alla quale il tempo (e la mia borsa ndr. ) hanno rotto lo zoom e i tasti.

Si é vero, fin qui non avevo ancora capito molto di fotografia, così mi iscrivo a un corso di fotografia digitale e in seguito mi regalano la mia prima reflex: la Nikon d40. Mi innamoro del tipico “clacac”, della risoluzione, dei colori e del mondo della Fotografia con la F maiuscola… Un regalo inaspettato sarà poi lo smartphone, con cui “divento multimediale” (devo dire che la qualità fotografica non é così male per essere un Galaxy Wonder). Le foto si possono condividere più facilmente sui Social e inviare agli amici.

Molte foto dopo, molti anni dopo, ma con una passione sempre accesa, oggi stringo tra le mani anche una fantastica d5100, nuova di Natale, con un teleobiettivo (55-200) e un buon obiettivo base (18 – 55), e sono… Contenta! So che la tecnologia aumenta davvero il potenziale di certe fotografie e dei loro utilizzi. Amo il raw che mi permette di migliorare in postproduzione anche scatti fatti di fretta e amo catalogare, riguardare e rimaneggiare le mie fotografie. Poi amo guardare le foto degli altri, confrontarmi e poi tornare a osservare meglio le mie foto e trovare quello che magari non avevo notato nemmeno scattando.

Amo fotografare e amo le foto, che non solo sono momenti, ma sono quei pezzi di vita che porti sempre con te.

Di seguito con la stessa luce, fotografo lo stesso soggetto, il mio gatto Oliver, in automatico e senza utilizzare postproduzione uso mezzi diversi per lo stesso scatto a voi scoprire le differenze!

   Fujifilm             d40

   Galaxy Wonder             d5100

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...